ANNO 9 n° 326
Foto successiva
''Un silenzio pesante ci è crollato adosso''
Dolore e commozione per l'ultimo saluto a Jessica Bussi. Il parroco: ''La nostra comunità messa a dura prova''

di Veronica Ruggiero

MONTALTO DI CASTRO - Tanto dolore e commozione hanno accompagnato Jessica Bussi nel suo ultimo viaggio. La 26enne è deceduta nella notte tra sabato e domenica, dopo aver perso il controllo dell'auto della quale era alla guida. Oggi pomeriggio l'ultimo saluto da parte di conoscenti e amici nella chiesa di Santa Maria Assunta, gremita di cittadini che hanno  voluto prendere per mano Jessica, come quando da bambina giocava per le vie del paese.

'La nostra comunità è stata messa a dura prova con la morte di questa ragazza- ha detto padre Nilton in apertura di funzione religiosa- Stringiamoci forte intorno a questo dolore”.

Presenti in chiesa oltre ai genitori, i fratelli e i parenti anche gli amici d’infanzia e tanti coetanei. Qualcuno è venuto anche dai comuni limitrofi per dare l'addio alla ragazza. I cittadini l'hanno attesa alla rotonda nel centro abitato per poi accompagnarla fino dentro alla chiesa.

''Un silenzio pesante ci è crollato addosso - ha poi continuato padre Edoardo - è come se potessimo soltanto accompagnarla. Jessica noi ti accompagniamo a prendere il tuo posto nella casa del Padre… riposa serena''.

Lo sconcerto, ancora vivo tra i prrsenti, la rabbia e la commozione si sono fuse in uno scrosciante e commovente applauso che ha avvolto Jessica e i suoi cari nel momento più difficile della vita di una famiglia. L'ingresso della chiesa ricoperto di omaggi floreali da parte di parenti e amici, quasi a ricordare la bellezza e la fragilità di una giovane vita purtroppo spezzata.




Facebook Twitter Rss