ANNO 9 n° 316
Stalker incapace di intendere e di volere, assolto ma obbligato a curarsi
L'uomo è finito a processo dopo aver a lungo perseguitato una donna di Fabrica di Roma

FABRICA DI ROMA – (b.b.) Dopo averlo stato sottoposto a diverse perizie psichiatriche, l’ultima delle quali lo scorso 17 settembre nell’infermeria del tribunale, per i giudici non ci sarebbero dubbi. Il giovane di Fabrica di Roma finito a processo per stalking e violenza sessuale non può essere condannato.

Totalmente incapace di intendere e di volere al momento dei fatti, il ragazzo è stato assolto da ogni accusa per ''vizio di mente'', ma sarà sottoposto al regime di libertà vigilata per due anni e dovrà seguire un percorso specifico di terapia all’interno della Asl viterbese.

''L’uomo è totalmente incapace di intendere e di volere – aveva spiegato la dottoressa al tribunale, dopo aver incontrato l’imputato – ha una percezione distorta della realtà ed è inconsapevole della propria situazione psichiatrica''.

A denunciarlo una donna di Fabrica di Roma che per settimane sarebbe rimasta vittima delle persecuzioni e delle molestie del ragazzo: secondo la parte offesa, gli episodi risalirebbero al gennaio e al febbraio del 2018 quando la avrebbe importunata pesantemente fino a costringerla a chiedere aiuto alle forze dell’ordine.

''Scendi che ti scopo'' le avrebbe addirittura urlato in un’occasione sotto la finestra della sua abitazione. Ma per i medici è del tutto inconsapevole della propria condizione psicologica: davanti a lui un lungo percorso di terapia in libertà vigilata.




Facebook Twitter Rss