ANNO 9 n° 350
Foto successiva
Sfida salvezza, tutto in 90 minuti
Monterosi, Montefiascone e Caninese coinvolte nella lotta per non retrocedere

di Domenico Savino

VITERBO – Salvezza da batticuore. L’ultima giornata nel campionato di Eccellenza è delicatissima. La lotta per non retrocedere è ancora tutta da scrivere e per qualcuno potrebbe anche non bastare vincere per assicurarsi la permanenza nel massimo campionato di calcio regionale. Ci sono una serie di incastri concentrati tutti l’ultima giornata che si preannuncia calda e non solo perché le temperature si stanno alzano e la primavera inizia a farsi sentire. Dalla Caninese alla Fonte Nuova nessuno è al sicuro: otto squadre coinvolte a vario titolo. E le sorprese sono dietro l’angolo. In mezzo il calendario si è divertito a collocare negli ultimi novanta minuti tre scontri diretti e due gare ad alta tensione.

Si giocherà con gli occhi rivolti al campo e le orecchie alla radiolina per capire cosa accede sugli altri campi. Il succo del discorso è che su tutte la Fonte Nuova sembra essere la squadra con più chances salvezza: in caso di vittoria contro il Futbolclub, già ampiamente salvo, è sicura della permanenza. Stesso ragionamento per Monterosi e Montefiascone che, però, hanno sfide delicatissime: i biancorossi della Cassia vanno a Monterotondo contro il Città, i falisci a Cerveteri contro l’ex Antolovic appena rientrato; anche in caso di vittoria la Caninese (che gioca al Piermattei contro il Monterotondo Calcio) potrebbe anche non farcela (dipende da cosa succede a Cerveteri o a Monterotondo Scalo). Ma vale la pena seguire nel dettaglio l’ultimo turno con un occhio particolare alle formazioni della Tuscia.

CERVETERI (31) – MONTEFIASCONE (39) - Obbligo di vittoria per il Montefiascone: con i tre punti è salvezza diretta senza preoccuparsi di quanto accade altrove. In caso di successo condannerebbe il Cerveteri poiché andrebbe a +11. Per i tirrenici è la partita della vita: solo la vittoria garantisce i play out. Dall’altra parte c’è una squadra con l’acqua alla gola che retrocede direttamente se perde. In riva al Tirreno è tornato Daniele Antolovic (grande ex) per tentare il miracolo.

CITTA’ DI MONTEROTONDO (31) – MONTEROSI (39) - Vale il discorso fatto per il Montefiascone: la vittoria è garanzia di salvezza. Il pareggio ingarbuglia i piani al pari della sconfitta anche se in caso di arrivo a pari punti con i falisci è in vantaggio negli scontri diretti. Gli eretini devono vincere per conquistare una posizione di privilegio nei play out e non vogliono essere risucchiati in un eventuale arrivo a pari punti con i cugini e con il Cerveteri

FUTBOLCLUB (45)– FONTE NUOVA (40) - La Fonte Nuova è la squadra padrone del suo destino. Vince e si salva: ha la fortuna di incontrare il Futbolclub, già al riparo da brutte sorprese. Solo in caso di sconfitta e contemporanei pareggi di Monterosi e Montefiascone (tutte e tre a quota 40) farebbe i play out perché penalizzata dalla classifica avulsa.

CANINESE (28) – MONTEROTONDO CALCIO (30) – E’ la gara che dipende dall’esito delle altre. In tal caso vale il principio vincere per sperare. Prendersi i tre punti e poi augurarsi che dagli altri campi giungano risultati favorevoli. La Caninese deve agganciare Cerveteri e Città di Monterotondo per andare ai play out perché è in vantaggio negli scontri diretti. Se, invece, vince il Monterotondo i play out sono assicurati.

EMPOLITANA GIOVEZANO (32) – GRIFONE MONTEVERDE (48) – Ragionamento più semplice in questo caso. La squadra di Pisoniano ha vinto la coppa regionale e in caso di retrocessione viene ripescata. Ma deve vincere per garantirsi play out dalla posizione migliore.



Facebook Twitter Rss