ANNO 9 n° 291
Foto precedente
Foto successiva
La protesta del latte arriva a Monterosi
Allevatori della Tuscia vogliono organizzare una manifestazione anche a Viterbo

MONTEROSI – Il latte sarà sversato per protesta anche nella Tuscia. Gli allevatori hanno organizzato per questa mattina una manifestazione a Monterosi ''ma – hanno assicurato – non ci fermeremo''. Nelle intenzioni c’è l’organizzazione di una protesta anche a Viterbo perché il problema è grande e sentito.

''Non siamo noi a fare il prezzo –dicono come un mantra – ma anche la grande distribuzione'', i contraenti che, abusando della loro maggior forza commerciale impongono condizioni contrattuali gravose, compresi prezzi molto al di sotto dei costi di produzione. Una situazione che rischia di cancellare un intero comparto che è già provato dalla crisi e, nella Tuscia, da una serie di problematiche quali quella non ancora risolta degli assalti dei lupi.

Dopo l’animata assemblea di lunedì a Montalto, ieri un centinaio di pastori della Tuscia ha partecipato alla manifestazione di protesta a Grosseto a cui hanno aderito complessivamente circa 500 allevatori. Sono stati sversati oltre 100 quintali di latte. ''E’ stato un colpo al cuore anche per noi – dice Ettore Paggio, allevatore della Tuscia - ma il problema è davvero molto importante per noi''. La protesta partita dalla Sardegna si sta allargando a macchia d’olio. ''Dopo Grosseto e prima ancora Radicofani – spiega ancora Paggio - oggi la manifestazione si sposta a Monterosi e in serata a Fiano Romano. A breve la faremo anche a Viterbo''. Gli allevatori, dopo la denuncia, chiedono provvedimenti che arrestino la contrazione del costo del latte e consentano alle aziende di tirare il fiato.

Facebook Twitter Rss