ANNO 9 n° 325
Gentleman's Ride, missione compiuta: raccolti 6mila euro per la lotta al cancro alla prostata e al suicidio maschile
I ringraziamenti degli organizzatori, che promettono: ''Il prossimo anno cercheremo di fare un evento ancora più bello!''

 

VITERBO - ''Iniziamo dai ringraziamenti. Iniziamo dai gentiluomini e dalla gentildonne che hanno partecipato''. Perché più delle marmitte, dei carburatori e delle ruote che hanno scrutano l’asfalto, i protagonisti della Gentleman’s ride 2019 sono stati loro. E senza, l’evento motoristico mondiale più social del mondo, non avrebbe mai starnutito a Viterbo neppure uno sbuffo di fumo. Sono stati 250 i rider che hanno partecipato: Principi di Galles, coppole di pelle e giacche di tweed.

''Una risposta sopra le righe che non ci aspettavamo'', dicono i 'Pezzi di ferro', il gruppo motoristico che ha curato l’evento. Ottima anche la risposta del cuore con 6000 euro raccolti e devoluti per la lotta al cancro alla prostata e al suicidio maschile. Tra i primi a sottoscrivere la donazione proprio i ''Pezzi di ferro'', 8 ragazzi con le mani sporche di grasso che già pensano alla prossima edizione. ''Cercheremo di fare un evento ancora più bello che oltrepassi i confini regionali e magari raddoppi le donazioni: per battere questo male c’è bisogno dell’impegno e del contributo di tutti''.

I ''Pezzi di ferro'' vogliono ringraziare i media che hanno dato spazio e visibilità all’evento. Simone Felici e Giulia Selvaggini per le foto. Comi Moto per la colazione. E poi gli sponsor senza i quali non sarebbe stato possibile mettere in piedi la manifestazione: Falcioni, Gramignana, Enerpetroli, Centrauto, Marsili Boutique, Lanzi Tende,Sigma via Carlo Cattano, My print. Ringraziamento espositori: La stamperia, Fat Cat Tattoo, Cris&Dani, Andrews’Pub. Musica: Massimo Stromberg e la merenda clandestina. Country service per il supporto e l’ospitalità dell’ evento.




Facebook Twitter Rss