ANNO 9 n° 237
''Dell'Arte Contagiosa'', il viaggio nei canti dell'inferno dantesco fa tappa a Ronciglione

RONCIGLIONE - 'Dell'Arte Contagiosa', il viaggio teatrale attraverso i canti dell'inferno dantesco fa tappa a Ronciglione. Il ciclo di conferenze-spettacolo dedicate a Dante Alighieri e ad undici canti dell'Inferno ha avuto inizio l'8 maggio a Vetralla, per concludersi il 6 settembre ad Orte. Undici appuntamenti commentati, declamati e interpretati dall'attrice Marina Moretti, nelle Chiese di epoca romanica della provincia di Viterbo.

Sabato 6 luglio alle ore 21.30 Dante fa tappa a Ronciglione, nella splendida chiesa romanica di S. Eusebio, aperta al pubblico per l'occasione. Protagonista il XV Canto dell'Inferno, che vede Dante avventurarsi nel cerchio dei violenti contro natura, dove ritrova il suo amato maestro Brunetto Latini, anch'egli nella schiera dei sodomiti. Ma il ricordo delle ore in cui egli insegnava '...come l'uom s'etterna', e il valore di quegli insegnamenti, riescono a riscattare il dolore di ritrovarlo in quel luogo, regalandoci una delle pagine più struggenti di tutto il poema.

A fare da cornice la chiesa di S. Eusebio, fiabescamente immersa nel verde e importante testimonianza dell'epoca paleocristiana, la più antica del primitivo tracciato (la variante Cimina) della via Francigena. Inoltre, sarà l'occasione perfetta per ammirare la suggestiva illuminazione notturna di cui gode da poco tempo la chiesa, che contribuirà a rendere lo scenario ancor più magico.

Per l'occasione sarà disponibile un servizio navetta gratuito che, a ciclo continuo, porterà gli spettatori fino a S. Eusebio, con partenza da Piazzale Mancini.




Facebook Twitter Rss