ANNO 9 n° 347
Foto precedente
Foto successiva
Appartamento in fiamme, l’anziana morta durante
la notte per asfissia
A dare l’allarme, ieri mattina,
la consuocera della 91enne

VITERBO – E’ morta per asfissia, a causa delle esalazioni di fumo che in breve tempo si sono sprigionate all’interno del piccolo appartamento al civico 13 di piazza San Rocco, l’anziana di 91 anni originaria di Velletri ma da anni residente a Bassano in Teverina.

Il decesso di Maria Giorgi è avvenuto nella notte tra martedì e mercoledì, ma ad accorgersi di quanto avvenuto, ieri mattina, è stata la consuocera della donna, che viveva sola. “In paese non ha parenti”, hanno riferito alcune persone accorse sotto casa dell’anziana, dopo essere state richiamate da sirene e mezzi di carabinieri e vigili del fuoco. “Aveva due figli: uno vive in Venezuela e l’altro a Roma”.

La segnalazione al Comando Garofalo è arrivata intorno alle 11 e, immediatamente, una squadra dei vigili del fuoco si è precipitata sul posto unitamente ai carabinieri della Compagnia di Civita Castellana e al sindaco del paese Alessandro Romoli.

Il corpo senza vita della donna è stato trovato a terra, vicino alla porta della camera. “Accanto al letto – hanno riferito i carabinieri - c’era la stufetta elettrica”. Che, in realtà, era stata spenta dall’anziana prima di coricarsi a letto. “E’ possibile– hanno riferito gli operatori - che durante il sonno si sia scoperta e che la trapunta sia andata ad appoggiarsi proprio sulla stufetta ancora calda”.

L’appartamento, che si trova al secondo piano, è stato dichiarato agibile; già nella serata di ieri era atteso l’arrivo del figlio che vive a Roma, nelle prossime ore dovrebbe giungere in Italia quello che invece vive in Venezuela.

 

 

Facebook Twitter Rss