ANNO 9 n° 168
È la notte dei desideri: Samp-Viterbese
I gialloblù calcano il campo di Marassi davanti a una bella cornice di pubblico

Foto di Lucio Matteucci

VITERBO - Sono tanti i cuori che battono all'impazzata attraversando l'Italia. Da Viterbo a Genova tanta gente con gli occhi pieni di sogni si è messa in macchina per seguire la propria Viterbese a Marassi. Stadio Luigi Ferraris con una bella cornice di pubblico ospite. Il Rende era superabile, l'Ascoli è stata una sorpresa e ora tocca alla più ostica Sampdoria. Orfana, è vero, di Fabio Quagliarella, ma comunque di un altro livello. Eppure la partita è troppo prestigiosa per perdersela dal vivo. Tre i pullman in partenza e tante le famiglie che hanno optato per un week end ligure tra mare e pallone.

Il valore aggiunto a una Viterbese già straripante è Alessandro Polidori che, difficilmente, partirà dal primo minuto. Spazio a Simone Palermo che si è dimostrato importante per questa formazione e a Zerbin che ha lasciato tutti a bocca aperte dopo sole due partite. Che questa trasferta sia l'inizio di un'annata scandita dai sold out dal più vicino stadio Rocchi. Perchè la Sampdoria è un sogno: è la notte dei desideri, un San Lorenzo posticipato. Ma il campionato è una realtà che va affrontata con l'entusiasmo delle ultime partite della scorsa stagione.



Facebook Twitter Rss